peacepink

Worldwide Campaign to stop the Abuse and Torture of Mind Control/DEWs

Italian case number one - Cosa avete fatto al mio Paolo?

Un'altra vicenda tutta italiana di uno squallore aberrante. L'italian case number uan vittima delle torture a base di armi elettromagnetiche, microchip millimetrici in varie zone della testa e mind kontrol dal 2000(?) probabilmente per creare terrorismo psicologico ai terroristi negli ambienti del PCC Veneto affiliato alle Brigate Rosse che frequentava e definiti in gergo poliziesco gruppi sovversivi.

Un uomo di Venezia del '59 di nome Paolo, il maggiore dei fratelli Tommaso e Martino, tutti figli del politico di sinistra Wladimiro, inizia verso la fine degli anni'80, inizio anni '90 a frequentare gruppi affiliati alle Brigate Rosse. Assieme ad un piccolo gruppo di amici amiche verrà creato il PCC acronimo di Partito Comunista Combattente ben presente anche sulla wikipedia affiliato alle Brigate Rosse e localizzato in Veneto con i suoi adepti vicini all'ala di seconda posizione di cui indagherà a fondo il PM Ilda Boccassini nel 2004. Gruppi che in gergo poliziesco vengono definiti sovversivi. Il mio Paolo parteciperà (?) nel 1993 a degli attentati che sono solo atti dimostrativi senza nè morti, nè feriti. Verrà condotto in carcere dove in segreto, gli applicheranno dei microchip sottocutanei nel 1996 (?) e subirà quella che è chiamata tortura elettromagnetica ben famosa ai ROS di Giampaolo Ganzer che subito dopo il 911, venne invitato a Guantanamo dalla CIA.

Tutto quello che hanno fatto al mio Paolo, puzza di vendetta e ritorsione per creare terrorismo psicologico in tali ambienti da loro definiti sovversivi e il mio Paolo è l'unico che non ha accoppato nessuno e che si presume abbia solo effettuato atti dimostrativi senza nè morti nè feriti. Perchè applicare proprio al mio Paolo dei microchips sottocutanei in carcere a Spoleto o Biella visto che nelle BR c'erano personaggi ben più aggressivi e sanguinari e lui invece è mite come un agnello e non ha ammazzato o ferito nessuno? Cosa vi ha fatto il mio Paolo? Ancora ci si chiede quali siano i collegamenti tra il progetto mind kontrol della CIA e il programma abduction del MILAB, inoltre ci si chiede ancora perchè una marea di cittadini pregiudicati e incensurati subiscano i medesimi "trattamenti" individuali a distanza nelle carceri o se incensurati nelle loro abitazioni ed ovunque si rechino attraverso una stretta sorveglianza satellitare individuale che agisce nell'ombra e mai viene elargita dagli organi di informazione la verità grazie ad un sano e onesto giornalismo investigativo da indomito Muckracker. Il termine Targeted Individual, indica proprio Individui Mirati cioè individui che subiscono torture e/o molestie elettroniche a distanza riconducibili ad un' evoluzione sistematica e diabolica del progetto mk-ultra degli anni '60. Oramai i sospetti sono fondati dal fatto che il progetto mk-ultra iniziato negli USA è stato importato in Italia e nel mondo dagli stessi e vede coinvolti almeno quattro continenti in una lista sempre più cospicua del mcmailteam. Nel 2014, grazie ad una petizione online vinta su change.org, si vocifera che toglieranno i sigilli al Caso Ilaria Alpi; bisognerà riuscire a far aprire i sigilli di tale Segreto di Stato anche su queste operazioni clandestine e ottenere la veritas-is per tutti coloro che si fanno chiamare "Targeted Individuals" o "Mind Control Victims" e per il pubblico che cerca di seguire queste vicende con intelletto intuito e perspicacia, ma non può andare oltre perchè insabbiano le cose in una ennesima cover-up e c'è una confusione diabolica. Se ancora ci fossero la buona Ilaria Alpi con il vecchio Miran, non dubito si farebbero in otto e non solo in quattro per vederci chiaro come quando erano in Somalia. I Muckracker di ultima generazione non hanno spina dorsale su tale tematica.

Dal 1991 al 2004, il mio Paolo fu legalmente sposato con la venusta Alberta Biliato, anch'ella brigatista, ma nel frattempo Paolo frequentava e conviveva con Clara. Alberta aveva partecipato al sequestro del Generale americano James Dozier. Nel 1993, dopo quel matrimonio iniziato nel 1991, il mio Paolo decise di partecipare (?) ad un suo attentato peraltro dimostrativo contro la base USAF di Aviano.

Il militante comunista maoista di estrema sinistra, dopo quegli attentati dimostrativi del 1993, riceverà una pesante condanna di 13 anni e mezzo. Nel 2001 (?) inizierà la sua pressante tortura quotidiana. Dopo 12 anni e mezzo, a condanna quasi ultimata, verrà scarcerato in anticipo di un anno, ma ancora lamenta la presenza fastidiosa di microchips sottocutanei, tecnologia Voices to skull (voci intracraniche) "palpatine" ed erezioni indotte dall'omuncolo e altre porcate a distanza dettate dalle radiofrequenze. Egli riuscirà con fatica ad avere delle potenziali prove radiologiche, senza mai riuscire nell'impresa titanica dell'espianto chirurgico per poi con la corretta prassi e procedura scientifica e corretto protocollo passare subito ad anatompatologo questi oggettini ipersonici ed avere/elargire matematico scientifica certezza di cosa siano tutti questi abnormani "corpi estranei" ipersonici millimetrici di natura non biologica (emittenti radiofrequenza) conficcati nella testa, tube eustachio e parete timpanica, che i medici radiologici hanno evidenziato a fatica dopo più lastre e di cui vi sono già sospetti fondati essere microchips come si ode in un TG di Rete Veneta e dove vengono menzionate altre persone che come lui vogliono togliersi questi fastidiosi microchips. Nel 2005, assieme al politico Maurizio Bassetti (presente su peacepink e caso N°6) e assieme ad altre Vittime come Paola Marziani (case 19), il mio Paolo fonderà la AVAE-m che verrà ristipulata come ACOFOINMENEF nel 2009 sotto i suoi soli standard come da suo Statuto. I tre non si conoscevano tra loro prima del 2005. Il mio Paolo, Maurizio e Paola sono entrati in relazione e contatto comune attraverso mezzi di comunicazione come internet avvallando la tesi di avere analogie sorprendenti e che porteranno in seguito ad una casistica sempre più cospicua, ma non ottenendo mai il giusto interesse al fenomeno dilagante con evidente omertà e/o disinformazione di terzi. Un vero "impeachment". In seguito ci sarà un aggregazione degli italiani all'EUROPEAN FEDAME che si scioglierà nel 2009. Il FEDAME era ed è un massiccio e folto gruppo di Vittime europee con a capo letterati, ingegneri, avvocati, medici e persone di ogni ceto sociale, sesso, etnia di ogni paese europeo che annoverà di punto in bianco di subire le stesse molestie e/o torture elettromagnetiche a distanza.

Il mio Paolo scoprirà che non è l'unico italiano a cui hanno iniettato/innestato dei microchips sottucutanei millimetrici, alcuni nelle carceri come lui, altri incensurati [(MILAB - Military abduction del dr Helmut Lammer (?)], che tutt'ora vivono nelle loro abitazioni a cui il destino ha inflitto comunemente tale nefandezza con chiara ed evidente Violazione della Convenzione Norimberga e dei diritti umani e si impegnerà come meglio può, nel far effettuare TAC al millimetro ad alcuni che a lui vi si rivolgeranno e creare una "class action" come da suo Statuto associativo.

Egli, con esperienza diretta del problema sottocutaneo, si darà ragione del fatto che è meglio effettuare TAC millimetrale in determinate zone aereopatiche e non RMN con mezzo di contrasto che apparentemente sembrerebbe la via più idonea per accentuare la posizione dei "corpi estranei" ipersonici ed iperplastici, accentuarne lo spessore preciso di ognuno e il numero esatto. Vengono "imboscati" e occultati con membrane speciali per non farli scovare subito al primo radiologo di turno. Quasi tutti questi microchips, sono dello spessore che ruota attorno al millimetro, tuttavia molto potenti che entrano in modulazione di radiofrequenza; logicamente, chi li impianta, non vuole che con un banale esame medico come una radiografia si evidenzino subito e chi li innesta fradudolentemente, è l'unico che può rimuoverli senza danni cerebrali, danni uditivi o morte; qualcuno sospetta vi sia matrice extraterrestre (E.B.E.), ma è una tesi difficile da dimostrare. Più accettabile semmai per la razionalità umana additare organizzazioni di potere e il famigerato MILAB (sigla che indica la task force del Military Abduction che spesso può portare alcune vittime anche ad incontri perfino con i reali MIB Men in Black che non centrano nulla con il film satirico perchè il tema và affrontato con serietà). Dubito che chi li impianta, li espianterebbe ai poveracci che ne soffrono la presenza costante a coloro che ne hanno senza ombra di dubbio al 100% e sono per ora tutti condannati a vita da tali pazzi criminali, sadici e fetish come lo erano Joseph Mengele lo psichiatra Donald Ewen Cameron della CIA o lo psichiatra italiano Aldo Semerari che morì decapitato (testa mozzata). Geni criminali da non sottovalutare paragonabili al professor Moriarty accerrimo nemico di Sherlock Holmes che aveva un genio distruttivo e criminale e non metteva certo a frutto il suo genio in maniera costruttiva come certi "cervelli in fuga" o come Nikola Tesla e Stanley Meyer con il suo motore ad acqua grazie all'elettrolisi. Da buon criminologo è utile distunguere un genio criminale da un genio buono. Entrambi hanno un genio, ma il genio criminale è deviato e socialmente pericoloso. Il genio buono è un idealista a volte animico o con una certa etica e capita che possa soccombere a causa dei malvagi.

Oltre a tali esami radiologici, è possibile determinare un magnetismo insolito con il rilevatore. Il frequenzimetro o spettrometro come qui. Anche avvicinare un registratore vocale alle zone interessate crea un fenomeno interessante, tuttavia non vale come prova forense. Vale sono per ricercatori intelligenti, dotati e intuitivi che poi possono effettuare indagini e test più sofisticati, mirati e andare oltre con altri strumenti, test ed esami di laboratorio nelle giuste strutture. Questi discorsi non sono fatti per novellini o persone che non hanno a cuore la ricerca, medicina, biologia, biofisica e bioetica (bios). Nemmeno per quei denukerini che fanno solo chiacchiere per disinformare e mai usano la corretta prassi e procedura medico scientifica. Non vi è ancora espianto chirurgico con relativi esami istologici di anatomopatologo per nessuna delle vittime italiane. Solo un albanese - per ora - ha tutte le carte in regola ed ha eseguito per ogni espianto chirurgico un atto notarile. Trattasi di Petrit Demo di Tirana ed egli viene denigrato ugualmente dai soliti che hanno la panza piena e la botte 'mbriaga di chiacchiere. Egli ha cinque atti notarili. Uno per ogni espianto.

Alcune vittime elogeranno il mio Paolo dandogli i giusti meriti (oltre a nevrosi comprensibili e demeriti e critiche che deve accettare in quanto sotto attacco come lo lui e quindi tutti sotto nevrosi e stress) e che gli rifileranno l'appellativo simbolico di "dottor Paolo Dorigo" con una simbolica laurea ad honoris causa in radiologia. Una specie di radiologo il mio Paolo dopo tutte le TAC a cui ha partecipato negli anni. Saranno veramente tantissime le radiografia che supervisionerà dal 2005 in poi da fargli arrivare l'appellativo simbolico di "radiologo" da alcune vittime come lui. Nel frattempo, nuove Vittime entreranno in questo circuito mondiale chiamato mcmailteam e giunti nel 2015, la casistica diverrà imponente sia in Italia che nel resto del mondo.

Purtroppo si faranno avanti casi lievi, casi medi e casi gravi (come il sottoscritto riconosciuto come grave da aisjca-mft nel 2010) ed anche casi incerti, ma anche presunti troll, perditempo, debunkers avidi e sadici, scientisti senza arte nè parte, presunti ricercatori senza titoli, mitomani o comunque persone che non sanno capire cosa cercano, cosa vogliono e che perdono e fanno perdere tempo ingarbugliando ancor più la matassa. Non compilano questionari, non cercano di effettuare indagini mediche da soli/e, non rilasciano grandi memoriali o questionari, non compilano esposti e restano nell'ombra a fare mucchio. Scommetto che se vi fosse un vaglio con la giusta equipe medico scientifica con tutti i test, le premure e le prudenze per ogni singolo caso con sana deontologia e bioetica, salterebbero fuori una marea di mitomani e quindi persone suggestionabili e labili. Con tale atteggiamento non sono casi gravi. I casi gravi li riconosci subito e mostrano una disperazione evidente causa vere e proprie torture forti, estreme e prolungate che li fanno deperire e sfiorire rapidamente. "I gravi" non perdono tempo quando ricevono direttive. Di solito i casi gravi hanno già una qualche documentazione medica e sono stati più volti in Pronto Soccorso o dal medico di base (MMG).

Tra i censimenti vittime armi elettromagnetiche, ad oggi, si registra siano passate persone apolitiche, persone di sinistra, persone di destra, brillini e anarchici. Non fanno distinzione politica quelli che mettono in atto tale progetto criminale su diversi cittadini (I PERPS). Molti lamentano di essere stati ostracizzati a priori da "certe" associazioni. Su fb ho già incontrato tre vittime che si dichiaravano di destra assai furibonde per non aver ricevuto nessuna partecipazione ed anzi estrema esclusione ed estrema unzione a priori da una "certa" associazione che qualcuno definisce "club privè ☭". E' evidente che quelli che scelgono le cavie, non interessa nulla delcredo politico, religioso o ceto sociale. A certi altri coordinatori invece si! (piccola nota dolente e critica che un saggio dovrebbe accettare).

Si registrano inoltre vittime che si sono infamate tra vittime e inflitte dispettini l'un l'altra causa un ambiente saturo di negatività, elettromagnetismo, persecuzione elettronica, molestie o vere e proprie torture che portano tali vittime a scaricare frustrazioni una sull'altra. Oppure semplici pettegolezzi perchè le cose non girano nella maniera giusta. Tutto ciò tuttavia non accade solo in Italia, ma anche nel resto d'Europa e in tutto il "magico" mondo dei Targeted Individuals. Dopo cinque, sei, sette o più anni di gavetta  alcuni cominciano ad abituarcisi e divenire più cauti e tranquilli, a non dar peso a tali scresci e a fregarsene perchè sono solo riflessi psicologici incondizionati. D'altra parte i T.I. sono persone malate o forse è più corretto e giusto specificare che sono state fatte ammalare da perversi sadici, meschini e senza valori che odiano la vita (bios) e che li fanno ammattire come nel Programma Monarch e non vi è nessuno scopo scientifico, semmai bellico e di perversione fetish al pari di Josepeh Fritz di Amstetten. Joseph Fritz era un ingegnere e non era un'idiota. Aveva un genio criminale. Rinchiuse la figlia Elisabeth nei sotterranei per 24 (ventiquattro) anni e il suo scopo era fetish. Non aveva nessuno scopo scientifico. Chiariamo che coloro che mettono in atto il Progetto Mind Kontrol Evolution hanno un'attitudine simile a quella di Joseph Fritz e Ariel Castro (mostro di Portland) e hanno una psiche deviata e pericolosa da "profiling offender". Solo chi vive tale situazione quotidianamente e riesce a scindere razionalmente e studiare i suoi "carcerieri" può comprenderne tutti gli aspetti più oscuri tracciando una sorta di Profiling Offender dei PERPS e può avanzare tesi logiche. Vive in una forma di riduzione in schiavitù 24/7. Può uscire di casa, può andare ovunque, ma se ha dispositivi come microchips che lo tracciano, che lo tormentano, lo scottano (ipertermia), gli trasmettono scosse elettriche e dolori estenuanti è come vivere in gabbia e non è tanto differente da Elisabeth Fritz, Natasha Kampush, o Michelle Knight. Tra i PERPS (carcerieri) si annidiano maschi e femmine in tale sofisticato progetto criminale deviato atto ad avere "lo schiavetto" e "la schiavetta". Può inoltre nascere una Sindrome di Stoccolma bilaterale, ma ad opera della vittima vi è sempre un rifiuto nell'accettare tale riduzione in schiavitù e il desiderio incessante di uscirne al pari di Elisabeth Fritz, Natasha Kampush e Michelle Knight (nel link lo schema del labirinto dell'Ingeger Fritz) che appena hanno avuto la possibilità di scappare dai loro rispettivi mostri non se la sono fatta sfuggire. Natasha appena ebbe l'occasione di scappare da WolfGang non se la fece sfuggire e lo stesso vale per Michelle Knight. Elisabeth invece venne liberata dal padre.

Se nascono scresci, dispettini, accuse e infamate tra alcune vittime con altre vittime non è nemmeno colpa loro. Vivono tutte in un gioco perverso privo di senso logico perchè la vita non è fatta per vivere in una forma di riduzione in schiavitù al pari di Eliabeth Fritz o Natasha Kampush o Michelle Knight. I Targeted Individuals non si sono messi assieme per giocare a carte o per un torneo di scacchi e vivono quasi ogni giorno discorsi barbosi e termini difficili da capire come (Targeted Individuals, Voices to skull, PERPS, gangstalking) a cui tutti loro farebbero volentieri a meno e penso preferibbero coltivare altri interessi e hobbyes come ad esempio arte o musica. Forzatamente le vittime sono costrette a studiare come possono la fenomenologia e a relazionarsi tra loro per cercare di tirasene fuori con un benemerito tacito degli organi competenti che se avessero ancora una Ilaria Alpi o persone di quello stampo, metterebbero alle strette gli organi competenti e la stampa come quando Bill Clinton nell'ottobre 1995 fu sottomesso nell'andare in servizio stampa e confessare a tutto il mondo che mk-ultra era un progetto realmente esistito. Bill Clinton però mai affermò che tali crimini stavano proseguendo e che tale mind control era stato esportato/importato in tutto il mondo con quello che io chiamo Progetto Mind Kontrol Evolution e Revolution perchè il termine gangstalking non è chiaro e trae in inganno facendo fuorviare il primo che passa a interpretarlo come stalking inflitto da una gang. E' sì una persecuzione,ma tale termine tutto americano fa erroneamente cadere in errori di interpretazione. Mind Kontrol Evolution è semplicemente un evoluzione sistematica del rudimentale e pionieroistico progetto mk-ultra degli anni '50/'60 e che adesso si può infliggere a distanza. D'altra parte negli anni 60 non esistevano il wireless e nemmeno il satellitare di cui Ronald Reagan con STAR WARS negli anni '80 ne fu diretto interessato. Non è un caso che in Italia, la luga casistica inizia verso la fine degli anni '90 a cavallo del 2000. Importato dagli italiani o esportato dagli americani poco importa. Restano loro i namber uan.

________________ FONTI ________________

  1. http://it.wikipedia.org/wiki/Wladimiro_Dorigo (La dinastia dei Dorigo)
  2. http://it.wikipedia.org/wiki/Martino_Dorigo (Martino il politico)
  3. https://dorigo.wordpress.com/ (Tommaso il fisico)
  4. http://it.wikipedia.org/wiki/Caso_Dorigo (Paolo il radiologo e BR)
  5. https://www.youtube.com/user/john1255432 (il 4° Dorigo della family)
  6. http://solleviamoci.blogspot.it/2007/04/il-caso-del-compagno-dorigo...
  7. http://www.paolodorigo.it/NuovaSintesiPalesata-.html
  8. http://www.paolodorigo.org/CURRARTE-NEW-senza%20giornali.htm
  9. http://www.paolodorigo.it/PaoloDorigo.htm
  10. http://www.associazionevittimearmielettroniche-mentali.org/furbetti...
  11. http://peacepink.ning.com/group/helptargetedindividuals
  12. http://it.wikipedia.org/wiki/Spettrometro

Nella vicenda di Aviano, il dottor Paolo DORIGO radiologo è stato seguito - oltre che dalla DIGOS, dai ROS di Ganzer e dalla CIA del Generale James DOZIER - dai legali e giammai illegali:-

1) durante istruttoria e processo di 1° e 2° grado dall'Avv. Attilio Baccioli del foro di Grosseto

2) nel ricorso per Cassazione e nel primo ricorso a Strasburgo, dall' Avv. Giuseppe Pelazza del foro di Milano

3) nella prosecuzione della detenzione e negli appelli a Strasburgo e ricorsi vari, dall' Avv. Vittorio Trupiano del foro di Napoli

4) nell'attuale situazione e processi di Bologna per la revisione, dall'Avv.Marina Prosperi del foro di Bologna

5) in attesa del nuovo processo, dall'Avv.Marina Prosperi di Bologna e da un altro legale di nome Luca Piaia foro di Treviso. Fonte wikipedia - Pasaia Paela.


28 febbraio 2006 - IL MISTERO DELLA TORTURA BIANCA

Il 12 dicembre 2004 la commissione medica incaricata dal tribunale di sorveglianza di Perugia di accertare se le condizioni di Dorigo necessitassero di un ricovero ospedaliero extracarcerario ha espresso, tramite la prof. Francesca Barone e lo psichiatra dott. Paolo Catanzaro, il seguente giudizio: il soggetto esaminato sarebbe affetto da "schizofrenia affettiva" e "con un identità pericolosamente fondata sulla sovversione sociale", che andrebbe curato con una "terapia fondata sul lavoro", oltre che con sostanze come benzodiazepine ipnoinducenti. In poche parole, secondo la commissione medica, Dorigo sarebbe uno psicopatico che non necessita di cure esterne al carcere, ma solo di psicofarmaci.

Ma allora perché le perizie psichiatriche precedentemente effettuate l'aveva giudicato totalmente sano di mente? Come si spiega l'ampia e approfondita documentazione scientifica che Dorigo ha presentato più volte alle autorità per giustificare le proprie richieste? e se è davvero uno psicopatico, perché non gli viene permesso di essere visitato fuori dal carcere? Se non c'è niente che possa essere rivelato dagli esami, di che cosa hanno paura? Oggi i risultati degli esami effettuati da Dorigo nell'ospedale civile di Dolo (Ve) mostrano che forse qualcosa da nascondere c'era…

Fonte di Alessandro De Lucia: http://impattoalieno.altervista.org/articoli/scheletro_articolo.php...

*Alcune gamme dei deleterei psicofarmaci: ipnotici, ansiolitici, antidepressivi, neurolettici, benzodiazepine.

27/10/1993 -  

PORDENONE - Per i magistrati della Procura e per gli agenti della Digos di Pordenone sono gli eredi delle Brigate Rosse. Sono finiti in carcere in 5, tre con l' accusa di aver messo a segno l' attentato alla base Nato di Aviano e di aver organizzato un gruppo terroristico che fa capo alle Br, due solo con l' accusa di rapina. Sono stati arrestati in provincia di Venezia Paolo Dorigo (fratello di un deputato di Rifondazione comunista) e la sua convivente Clara Clerici, a Genova Francesco Aiosa, a Grosseto Aldo Berti e a Pordenone Angelo Dalla Longa. Tutti trentenni e già noti agli investigatori per le loro attività nei gruppi vicini ad Autonomia Operaia dalla fine degli anni 70. L' attentato contro il dormitorio dei soldati americani dell' aeroporto di Aviano era stato messo a segno nella notte del 2 settembre, proprio nei giorni in cui la tensione in Bosnia era al massimo e sembrava che l' intervento aereo della Nato fosse ormai questione di ore: l' aeroporto militare, infatti, ospitava i velivoli che avrebbero dovuto partecipare ai raid sulle colline intorno a Sarajevo. Da subito gli inquirenti affermarono che chi aveva colpito voleva uccidere: gli attentatori avevano lanciato una bomba a mano di tipo Ananas e avevano sparato 7 colpi di pistola. Le indagini imboccarono immediatamente la pista del terrorismo rosso perché la rivendicazione arrivò con una telefonata che dava indicazioni precise sulle modalità dell' attentato e sull' auto utilizzata per compierlo. In seguito vennero fatti trovare volantini firmati dal gruppo terroristico in varie città italiane, tra cui Milano e Pisa. Infine, l' irriducibile Antonio Fosso lesse un comunicato di rivendicazione dalle gabbie dell' aula del processo Moro quater. Il volantino, firmato con la sigla "per la costruzione del partito comunista combattente Brigate Rosse" portava nell' intestazione la stella a cinque punte e iniziava con una citazione di Mao. Sosteneva che l' azione terroristica di Aviano voleva colpire "uno dei maggiori centri operativi e logistici Usa nell' Europa del sud" e si dilungava sulla necessità di avviare "il processo di disarticolazione della seconda repubblica". A condurre gli investigatori ai presunti autori dell' atto terroristico è stata l' auto utilizzata per l' attentato e ritrovata poco dopo nei pressi di Pordenone, con un caricatore di kalashnikov, una pistola e un contenitore per bombe a mano sui sedili. Era una Saab rubata un mese prima in provincia di Treviso. La Criminalpol del Veneto è riuscita ad individuare i due giovani che l' avevano rubata, i trevigiani Nicola Modolo e Giuliano Piacentin, entrambi pregiudicati per reati comuni e legati ad un personaggio, anche lui finito più volte in carcere per rapina ma che a Porto Azzurro si era politicizzato, il pordenonese Dalla Longa. Proprio in quei giorni, quest' ultimo era stato sorpreso dai carabinieri con ottanta grammi di eroina ed era stato arrestato. Modolo e Piacentin, accusati soltanto del furto e scarcerati pochi giorni dopo, la Saab rubata l' avevano consegnata a lui che a sua volta, stando alla ricostruzione degli inquirenti, l' avrebbe passata al veneziano Dorigo, uno dei presunti organizzatori dell' attentato alla base militare Usa assieme ad Aiosa e allo stesso Dalla Longa. Dorigo poi, con la convivente e Berti, avrebbe compiuto una rapina ai danni di un supermercato di Pordenone il 10 agosto scorso. Dorigo, la Clerici, Aiosa e Berti sono stati prelevati nelle loro rispettive abitazioni mentre a Dalla Longa l' ordine di custodia cautelare è stato notificato nel carcere di Pordenone dove si trovava già per detenzione e spaccio di droga. La Digos della città friulana ha recuperato anche una parte delle armi che sarebbero state utilizzate nell' attentato, un mitragliatore kalashnikov di provenienza jugoslava e un mitra MP-40 di fabbricazione Usa. Armi potenti e micidiali che erano state sotterrate sul Cansiglio, l' altopiano al confine tra le province venete di Treviso e Belluno che più volte ha accolto l' ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga e quest' anno anche Oscar Luigi Scalfaro per le ferie. Per giungere al nascondiglio delle armi e per ricostruire i passaggi dell' auto rubata evidentemente gli inquirenti devono aver convinto uno o più aderenti al gruppo brigatista a collaborare con la giustizia. Ora le indagini proseguono: gli investigatori, infatti, avrebbero sequestrato documenti i quali dimostrerebbero che il gruppo intendeva organizzare altri atti terroristici.

di GIORGIO CECCHETTI

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1993/10...

 

27/10/1993 -  PORDENONE - Le nuove Br

Stavano preparando altri attentati, dopo quello alla base Nato di Aviano. Nel mirino c' erano il ministro del Lavoro, Gino Giugni, già "gambizzato" oltre 10 anni fa, e alcuni suoi collaboratori, l' amministratore delegato della Fiat Auto Paolo Cantarella, progettista della Punto, e un dirigente dell' Ansaldo di Genova che per ora non è stato identificato. Sarebbero stati gli inquirenti di Pordenone e quelli della città ligure a trovare alcuni documenti che hanno fatto ritenere attendibile l' ipotesi che i terroristi intendessero colpire l' esponente socialista e i due manager. Ma i due arrestati di spicco, il veneziano Paolo Dorigo, 34 anni, e il genovese Francesco Aiosa, 35 anni, entrambi accusati di militare nelle Br, non confermano: si limitano ad ammettere la loro appartenenza al gruppo terroristico. La nuova formazione si rifà al gruppo "Per la ricostruzione del partito comunista combattente" - una corrente interna alle Brigate rosse guidata dall' irriducibile Antonino Fosso, uno degli imputati del Moro quater a Roma e che è nata dopo che la maggior parte della vecchia dirigenza si era dissociata o aveva dichiarato ormai sconfitta la lotta armata. A tradire i "nuovi br" sono stati soprattutto gli stretti rapporti con elementi della malavita veneta e friulana. A condurre gli inquirenti a Dorigo e Aiosa, gli organizzatori dell' attentato alla base Usa di Aviano del 2 settembre, infatti, sono stati due pregiudicati che avevano rubato l' auto per conto dell' organizzazione. E' stata la Criminalpol veneta ad individuare Giuliano Piacentin e Nicola Modolo, i ladri della Saab 900 usata per l' attacco terroristico. Poi, uno di loro ha parlato, indicando in Angelo Dalla Longa, un rapinatore pordenonese di 43 anni avvicinatosi alle Br nel supercarcere di Porto Azzurro, l' uomo a cui avevano consegnato la macchina. Anche Dalla Longa, già in carcere per essere stato bloccato con 80 grammi di eroina, non avrebbe fatto scena muta. "Quello che balza agli occhi - afferma Carlo Mastelloni, il giudice veneziano che con le sue indagini smantellò la colonna veneta delle Br nei primi anni 80 e fece arrestare Dorigo nell' ambito di un' indagine sui gruppi contigui ad Autonomia operaia - è questa alleanza con i malavitosi, che le vecchie Br rifiutavano. Questo richiama alla mente più che l' esperienza brigatista, quella dei Nap, che proprio in virtù della loro alleanza con la criminalità vennero sconfitti". Per il magistrato si tratta di una scelta perdente perché spesso i malavitosi sono persone ricattabili e quindi facilmente utilizzabili dalle forze dell' ordine e non solo da quelle. "Sembra una brutta copia di un' esperienza già fatta" sostiene Mastelloni, che considera per ora non alta la pericolosità di questo gruppo. "Fino adesso si tratta di episodi sporadici, che non hanno trovato appoggi o legami nei movimenti di sinistra, come accadde invece negli anni 70", dice ancora. "Per il risorgere delle Brigate rosse a vasto raggio - conclude Mastelloni - non esistono le condizioni storiche ". Comunque, stando agli accertamenti degli inquirenti pordenonesi coordinati dal pm Antonello Fabbro, sarebbero una quarantina i giovani simpatizzanti della nuova formazione terroristica, che si stava organizzando come una vera e propria colonna operante nel nord-Italia. Già si articolava su due piani: la struttura militare, incaricata di mettere a segno attentati, e quella politica, che si occupava delle rivendicazioni e della gestione complessiva degli atti terroristici. E un ruolo importante avrebbero avuto proprio il genovese Aiosa e il veneziano Dorigo. Il primo, operaio dell' Ansaldo nella città ligure, nel 1980 era stato condannato a otto anni e mezzo di reclusione: era considerato un irriducibile. Era stato scarcerato due anni fa. Dorigo, invece, ha una storia legata all' Autonomia operaia veneta: dal 1985 in poi era stato arrestato altre tre volte per associazione sovversiva e banda armata, ma alla fine era sempre stato assolto. Il suo primo arresto, comunque, risale ai primi anni Settanta: ancora ragazzino, nel magazzino di casa, gli scoppiò una bottiglia molotov tra le mani. Ieri, il fratello di Dorigo, il deputato di Rifondazione comunista Martino, ha voluto precisare che "il fatto che Paolo sia stato arrestato non ha niente a che vedere né con me né con il mio partito". Il pm Fabbro, grazie alla collaborazione di uno degli arrestati, è riuscito a ricostruire attimo per attimo anche l' attentato di Aviano. A guidare l' auto rubata sarebbe stato Dalla Longa, mentre a sparare i sette colpi di pistola sporgendosi dal tettuccio della Saab sarebbe stato Dorigo (il kalashnikov che avevano con loro si era subito inceppato), mentre Aiosa sarebbe sceso e avrebbe lanciato la bomba tipo ananas. L' auto sarebbe ripartita di gran carriera ancor prima che il genovese riuscisse a risalire. Così, mentre l' auto si allontanava rincorsa da una macchina della Militar Police Usa, il brigatista ligure sarebbe stato costretto a fuggire a piedi attraverso i campi.

di Giorgio Cecchetti http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1993/10...

12/12/2003 - 

Il divorzio del terrorista irriducibile 'Mia moglie collabora con lo Stato'

Un marito ed una moglie hanno molti modi per smettere di andare d' accordo: un amore può rompersi per divergenze irrimediabili su come si carica una lavastoviglie, su come si educano i figli, su chi porta a spasso il cane. Anche Paolo Dorigo e Alberta Biliato, entrambi terroristi rossi, chiedono al tribunale civile di Milano di riconoscere che è venuta meno la «comunione morale» su cui si basava il loro matrimonio: come dimostra il fatto che lui rimane un rivoluzionario irriducibile, mentre lei ha accettato di dialogare con lo Stato. Per questo il tribunale dovrebbe dichiarare sciolto il matrimonio celebrato in carcere dodici anni fa tra i due militanti della lotta armata. Nel ricorso per la separazione consensuale - firmato dal legale dei due, l' avvocato Gianfranco Palumbo - viene indicato anche un altro elemento che dovrebbe dimostrare l' irrecuperabilità della frattura: il matrimonio non è mai stato consumato. Per dimostrarlo basta confrontare le schede carcerarie dei due coniugi. Da queste, risulta chiaramente che mai, nemmeno per un giorno, i due sono stati liberi di incontrarsi. Detenuti erano quando si sono sposati, detenuti sono tutt' ora. L' irriducibile Dorigo non ha mai messo il naso fuori dal carcere. La più ragionevole Biliato ha iniziato a godere di qualche permesso premio dal 2000, ha potuto fare visita alla mamma, ma di certo - visto che le "ore d' amore" consentite in alcuni carceri stranieri in Italia non esistono - non ha potuto intrattenersi col marito, e men che meno nell' intimità. Dei due, ad avere sulle spalle il fardello più pesante è la donna. Alberta Biliato stava nelle Brigate Rosse, faceva parte del commando che sequestrò ed uccise Alberto Taliercio, dirigente del Petrolchimico di Marghera, e rapì il generale americano James Lee Dozier (nella foto) a Verona il 17 dicembre 1981. Dorigo era anche lui nelle Br, ma non ha mai ammazzato nessuno, si è limitato ad attaccare la base Usa di Aviano, in Friuli. Quando, nel 1991, decisero di sposarsi, confidavano «in una non remota possibilità di potere, prima o poi, iniziare a vivere concretamente insieme grazie alle misure alternative previste dall' ordinamento penitenziario, e quindi successivamente realizzare una comunione non solo spirituale ma anche morale e materiale». Ma gli anni passano, e a volte l' ideologia scava fossati profondi. Così proprio ora, quando a Dorigo mancano una manciata di mesi per tornare libero, un giudice dichiarerà ufficialmente chiusa la loro storia d' amore.

Autore: LUCA FAZZO

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2003/12...

N.D.R.: Alberta Biliato fu la ragazza di Ruggero Volinia soprannominato Emilia Libera che ordì il rapimento Dozier a Verona. Ne hanno tratto un film denominato: Stato di emergenza - Il caso Dozier. Lo stesso generale, dopo  30 anni dalla sua liberazione datata 28 gennaio 1982 dichiara qui a sicurezzapubblica che fu un grande attacco alla Democrazia. Peccato che anche il progetto mk-ultra (oppure MIND KONTROL EVOLUTION cioè un' evoluzione sistematica del progetto mk-ultra) importato in Italia dagli USA e che  hanno inflitto al compannio Dorigo e ad altri Cittadini del tutto incensurati sia un grande attacco alla Democrazia non differente dal terrorismo rosso delle BR e dal terrorismo della SERENISSIMA di destra e proprio loro facciano sempre silenzio su questi aspetti antidemocratici e che sia sempre l'afroamericano Derrick Robinson della FFCHS a doversene occupare nella sua America. Caro James, queste cose le schivi e quindi sei un altro poveraccio al pari di quelli che ti rapirono e che forse, avevano motivazioni valide vista la vostra "falsa Democrazia americana" e il MUOS a Niscemi in Sicilia che è gestito dalla vostra America fascista e peggio ancora capitalista. (Documentario di AARON RUSSO intitolato: America Dalla libertà al fascismo). Caro Dozier dai un sguardo al progetto MK-ULTRA EVOLUTION sennò significa che non vali una emme come americano e sei tale e quale ad un talebano e sei peggio delle BRIGATE ROZZE e/o BRIGATE ZOZZE e/o BRIGATE TOZZE e/o BRIGATE COZZE (-_-)

Scena tratta dal film: Stato di emergenza - Il caso Dozier. Si vede una comparsa che recita la parte di Alberta.

07/06/1994 -

Bombe ad Aviano: proclama delle Br in aula

Iniziato ieri con la lettura in aula di un documento di strategia delle Br il processo nei confronti di Aiosa Francesco, Dorigo Paolo , Pizzarelli Ario e Clerici Clara accusati dell' attentato alla base USA di Aviano nel settembre dello scorso anno

TITOLO: Bombe ad Aviano: proclama delle Br in aula.

UDINE - Si e' aperto ieri a Udine con la lettura di un documento di rivendicazione e di strategia delle Br il processo a quattro brigatisti imputati di banda armata, associazione a fini terroristici e attentato, per gli spari e la bomba contro la palazzina dormitorio della basa miliare USA di Aviano. I fatti risalgono al 2 settembre del ' 93. In gabbia, Francesco Aiosa, Paolo Dorigo, Ario Pizzarelli e Clara Clerici. "Il 2 settembre 1993 . ha esordito Pizzarelli . un nucleo armato della nostra organizzazione ha attaccato il personale militare americano della base aerea USA di Aviano: lo rivendichiamo ancora una volta in quest' aula come militanti delle Brigate rosse per la costruzione del partito comunista combattente. Lo scopo era di infliggere le maggiori perdite e causare il maggior danno possibile al nemico".

Pagina 14 - (7 giugno 1994) - Corriere della Sera

http://archiviostorico.corriere.it/1994/giugno/07/bombe_Aviano_proc...

15/05/2004 - Dorigo alza il pugno in aula

LIVORNO. Bandana rossa e capelli lunghi, la mano sinistra stretta in un pugno sollevato sopra la testa. E intorno a lui la scorta della polizia penitenziaria. Così ieri mattina è entrato in aula Paolo Dorigo, 45 anni, il veneziano irriducibile della lotta armata, presunto brigatista rosso. Dietro le transenne un pubblico venuto apposta per lui, una trentina di persone - riunite sotto le sigle di Associazione solidarietà proletaria e Soccorso rosso proletario - radunatesi per esprimergli solidarietà. All'ennesimo slogan «Paolo libero!» il presidente del tribunale, Marisa Sammarco, ha ordinato ai carabinieri di far allontanare i più esagitati. Ma non c'è stato bisogno, anche perché il processo è stato subito rinviato al 29 ottobre.
I manifestanti si sono trasferiti con striscioni e volantini all'esterno del Palazzo di giustizia, mentre Dorigo è stato ricondotto al carcere di Spoleto. Tornerà dunque a ottobre per rispondere di danneggiamenti: un materasso e una coperta dati alle fiamme nella primavera 2002, quando da Biella era stato trasferito nel carcere delle Sughere. Ma Dorigo più che imputato si sente vittima: il suo avvocato, Vittorio Trufiano, sostiene che Dorigo sarebbe stato pestato da alcuni agenti nella sezione penale psichiatrica del carcere livornese: «Quattro agenti la cui posizione venne archiviata dal gip Sandra Lombardi su richiesta del pm Mario Profeta». Anche il volantino diffuso dalle due associazioni parla di «un pestaggio subìto da una squadretta di guardie», dopo il quale «Dorigo si asserragliò nelle docce, dove resistette fino a quando per fermarlo le guardie gli provocarono un parziale soffocamento».
Versioni diverse.Il sostituto Mario Profeta spulcia le carte processuali e spiega che «a me non risultano episodi di violenze commessi dalle guardie, se dovessero emergere al dibattimento verranno presi in considerazione, ci mancherebbe. Ma agli atti l'unica denuncia riguarda la violazione della sua corrispondenza». Dorigo avrebbe cioè accusato le guardie di aver aperto, senza autorizzazione, lettere speditegli nel carcere a Livorno mentre lui era già a Spoleto. La denuncia è del 5 settembre 2002. Ma per Profeta l'apertura era autorizzata: «Ne era stato disposto il sequestro dai giudici di Pordenone, ecco il perché dell'archiviazione».
Irriducibile.Dorigo non ha mai rinnegato il suo passato. Quando le Br rivendicarono l'omicidio di Massimo D'Antona, lui dalla cella scrisse una lettera eloquente sulla ripresa della lotta armata. Due mesi fa un pentito islamico raccontò che, in carcere a Spoleto, il veneziano aveva brindato all'attentato delle Torri Gemelle. Questo per dire di che pasta sia fatto Dorigo. Un duro, un irriducibile, uno che ha rifiutato anche sconti di pena. Che però si è sempre proclamato innocente per l'attentato del settembre '93 alla base Nato di Aviano (Pordenone). Per quell'attentato, che non causò morti né feriti e fu poi rivendicato dalle Br, dal '94 Dorigo sta scontando una condanna a 13 anni e 6 mesi. Per la sentenza giocarono un ruolo decisivo le dichiarazioni di alcuni pentiti rese durante le indagini ma non ripetute in aula.
Le censure di Strasburgo.Nel giugno 1999 la Commissione europea dei diritti umani censurò per insufficienza di garanzie l'articolo 513 del codice di procedura penale italiano (la facoltà di non rispondere in sede di dibattimento di cui si avvalsero i pentiti) ritenendolo in contrasto con l'articolo 6 della convenzione europea dei diritti umani. Seguirono altre pronunce internazionali, in particolare una risoluzione in cui si imponevano adempimenti e scadenze al governo italiano. «Pronunce completamente ignorate da governo, parlamento e tribunali - scrivono Asp e Srp - ma non da chi gestisce e controlla le sue carceri».
Le lettere.Sulla corrispondenza non è mai venuta meno l'attenzione della magistratura. Nel luglio '99, mentre gli investigatori lavoravano all'omicidio D'Antona, a Bologna fu intercettata una lettera di Clara Clerici, la compagna di Dorigo, anche lei in carcere per l'attentato di Aviano. Era indirizzata al Centro documentazione Krupskaja, un circolo del movimento antagonista, e destinata al reclutamento di nuovi terroristi. Clerici fu denunciata per apologia di reato; si cominciò a indagare su di lei e su suoi presunti contatti col Nordest.
Nel dicembre 2002 fu interrogato a Rebibbia il brigatista Michele Pegna, che avrebbe continuato a mantenere contatti con alcuni brigatisti in carcere tra cui Dorigo, al quale scrisse più volte dopo la sua liberazione dal supercarcere di Trani (gennaio 2000).
«Un caso esemplare». Secondo le associazioni «il caso Dorigo è esemplare. Su Paolo si sono accaniti con varie tecniche di destabilizzazione psicofisica; è stato sottoposto a continue perquisizioni corporali, violenze, dispersione, allontanamento dagli altri rivoluzionari prigionieri, desolidarizzazione, negazione di strumenti per lo sviluppo delle attività intellettuali, negazione a un'assistenza sanitaria adeguata, controllo e ostacolo della posta ecc. Già dalla sentenza contro Dorigo, divenuta definitiva nel 1996, emerge l'illegalità di questa pena».
Il microchip. «A partire dal 2002 - continua la nota - la persecuzione contro Dorigo conosce un brusco giro di vite: ripetuti pestaggi, violenze e abusi, Paolo inizia ad accusare strani disturbi che lo portano a denunciare che gli abbiano installato un microchip in un orecchio. Invece di disporre immediati accertamenti, la direzione del carcere di Biella ordina il suo trasferimento a Livorno col pretesto di periziarne la salute mentale».

Alessandro De Gregorio

http://ricerca.gelocal.it/iltirreno/archivio/iltirreno/2004/05/15/L...

http://archiviostorico.unita.it/cgi-bin/highlightPdf.cgi?t=ebook&am...

Il mio Paolo a

RETE VENETA - venerdì 13-03-2009

Terribile sorte anche per il gemello latino maoista del mio Paolo (il 5° della family e della dinastia Dorigo).  Il sig. Manuel Rubén Abimael Guzmán Reynoso (nella foto a sinistra) terrorista peruviano, conosciuto anche con il nome di battaglia Camarada Gonzalo, già professore di filosofia, fu tra gli anni Ottanta e Novanta il leader di Sentiero Luminoso, gruppo terrorista peruviano di matrice maoista. Sentiero Luminoso nacque alla fine degli anni Settanta ed iniziò la lotta armata nei primi anni Ottanta. Ricercato per terrorismo e tradimento, Guzmán fu catturato dal governo peruviano nel 1992 e condannato all'ergastolo. http://it.wikipedia.org/wiki/Abimael_Guzm%C3%A1n

Segue un video interessante con gli "EI TIM" al lavoro. Il Tanko, un "carro armato" artigianale dei secessionisti veneti della Serenissima di estrema destra.

A) Bombe a mano, molotov, lanciamissili e fucili mitragliatori a ☭sinistra☭.

B) Carroarmati Tanko di estrema destra.

C) In mezzo ai comunisti e fascisti, il RO$ del Generale Giampaolo Ganzer,cioè colui che si è beccato 14 anni di condanna per traffico internazionale di droga grazie all'onesto PM Armando Spataro. Cosa faceva il loro Generale? Sequestrava tonnellate di cocaina ad una cosca e poi la rivendeva ad un'altra. Messe insieme le tre fazioni di comunisti, fascisti e carabinieri dei ROS di Coca Ganzer esse ricordano una marea di miladristi rossoneri (O_o). Le tre fazioni, potrebbero scontrarsi in un triangolare allo Stadio di San Siro, e non vi è dubbio che esso sarebbe gremito da quanti sono.Il triangolo- per antonomasia - rappresenta un segnale di PERICOLO. Rossi che darebbero botte ai neri e ai ROS, neri che darebbero botte ai rossi e ai ROS, e i RO$ che darebbero botte ai neri e ai rossi. Un triangolare di 45'' allo Stadio con relative tifoserie, bandiere e inni, potrebbe essere la soluzione sportiva per vederli impegnati a darsele allo Stadio,mastavoltasul campo e senza i loro hooligans e ultras di esaltati! (-_-)



A quelli dell'attacco della Serenissima (destra) avranno applicato microchip? Perchè solo a me al mio Paolo e ad altri poveracci/e? Io ero pressochè apolitico. Non è un segreto che io ho sempre votato tutto nella vita, ho enplein e infatti ho tre tessere elettorali che dimostrano tutti i timbri. La prima fu stata smarrita sul più bello, poi ritrovata in un cassetto e fui costretto a chiedere la seconda in comune che è piena di timbri e ha esaurito gli spazi, poi c'è la terza da poco cominciata. Dal 2006 in poi votavo sempre scheda nulla e lo sà bene chi mi conosce veramente e mi frequenta dal vivo e non certo online. Oramai era dal 1994 che vedevo una volta governo centrodestra e poi governo centrosinistra e già nel 2006, era inutile votare qualcuno di loro. Hei tipo/a. Io ho sempre votato tutto. Io c'ero a tutti tutti tutti i Referendum e tu? Ho tutti i timbri sulla tessera elettorale che confermano. Sempre votato tutto e tu? Penso quindi che è mio diritto e dovere fare la voce grossa con tutti voi cari politici. Tu caro politico hai enplein come me? Sei sempre sempre sempre andato a votare anche per i Referendum? Penso proprio di no e penso tu non abbia tre tessere elettorali piene di timbri. Quanti italiani nella vita hanno votato tutto tutto? Sappi che anche per i referendum non sei obbligato a barrare SI oppure NO. Nel dubbio e incertezza una scheda del referendum puoi lasciarla bianca, oppure barrare SI e NO e renderla nulla e lasciar decidere agli altri e alla maggioranza se raggiungono il quorum. Esempio: Se le schede elettorali sono quattro, su una puoi barrare SI, su un altra NO, la terza la lasci bianca e non barri niente, la quarta invece la annulla e rendi scheda nulla barrando SI e NO e ci scrivi semplicemente SCHEDA NULLA con la matitina. Così facendo te ne esci a testa alta e dimostri che sei sbattuto e ti fai fare un bel timbro marcato e visibile sulla tessera elettorale. Siete proprio dei pagliacci come Francesco Rutelli!

Ho il diritto e dovere di fare la voce grossa più di te perchè ho dubbi che tu abbia votato tutto tutto nella vita.

Nel febbraio 2013, il tentativo di ricominciare a votare senza dare nulla e tentare la carta M5S, poi ad ottobre 2013 creare un progetto assieme ad altri brillini e TI per cercare di ottenere un'Inchiesta Parlamentare sui Targeted Individuals. Inizialmente ricevemmo risposte serie da Deputati e Senatori M5S viste le argomentazioni messe in campo e che sono conservate, ma poi nel giro di un anno e mezzo non si è pragmatizzato nulla sul pratico e si sono chiusi nel silenzio. Ad oggi, febbraio 2015, dopo quel febbraio 2013 che deculminerà in un abnornale Governo Letta/Alfano con PD+PDL+P2, i brillini stanno ricevendo una marea di legnate dal PD. A gennaio 2015, appena Napolitano ha terminato il mandato Renzie dichiarava ai TG: "Noi del PD non siamo comunisti, noi siamo democratici". Inutile che votiate SEL oppure Rifondazione Comunista. Sarete sempre costretti a fare coalizione col PD e saranno sempre i "democratici" a dettare legge grazie alla proporzionale. Pure voi di destra siete incu**** come i vostri antagonisti di sinistra che devono asogettarsi al PD, perchè tanto sovrasta su tutti quanti la Massoneria dei BilderBerg con i vari Mario Monti, Draghi, Bonino e tutti gli altri assieme a Massoni, Killuminati, Muratori e che continueranno con il DIVIDI ET IMPERA.

Fu pieno diritto mettere alla prova MoVimento Cinque Stelle per un qualcosa di tangibile come l'Inchiesta Parlamentare dopo nostra assidua richiesta. Chi ebbe mio voto di fiducia, visto che ha tradito le aspettative al pari della sinistra+movimenti anarchici nel 2006 (la fonte si trova su scienzamarcia.com del buon Corrado Penna) e visto che nessuno concretizza un'Inchiesta Parlamentare sui Targeted individuals, farà sì che tornerò a votare scheda nulla per protesta come prima; così avrò sempre tutti i timbri sulla tessera elettorale e manterrò il mio enplein di avere sempre votato tutto nella vita e dimostro che non esiste nemmeno la meritrocrazia, trasperanza e correttezza brillina. Anche M5S per tali crimini finisce nei libri di historia come inabile e grazie al buon Corrado Penna con i suoi resoconti del 2006 ben conservati, fa sì che ci finiscano in mezzo ai gruppi di sinistra di tale anno. Inabili anche i brillini in questa tematica criminale che non vogliono affrontare al pari di quelli del 2006. Cosa significa meritocrazia? io a diffirenza di quasi tutta Italia ho sempre votato tutto e nonostante nostro progetto e nostra assidua richiesta da nessuno si riceve l'Inchiesta. Devo ringraziare Francesco Rutelli della Margherita (nella foto) per avermi fatto arrivare a tale ragionamento e cioè di votare sempre tutto, soprattutto i referendum a cui ho sempre creduto perchè voto popolare e decide il popolo. Nel 2003, infatti, erano stati indetti dei referendum e Rutelli in TV disse: "Andate al mare non andate a votare". Non ho disprezzato poco quell'uomo per tale dichiarazione e al mare ci posso andare dopo essere andato a votare. Io uso il mio cervello e giammai quello del Rutello ho enplein e tutti i voti e timbri sulle schede elettorali grazie a quello. Voi italioti, seguite Rutelli o chi vi pare, andate pure al mare e andate a cagxre, io intanto ho continuato a votare e le mie tessere elettorali con tutti i timbri lo possono attestare e certificare e la meritocrazia dimostra che possono andare a defecare e scheda nulla per protesta si ricomicerà a dare e uscirò sempre a testa alta dal loro seggio elettorale!

A Francè, io ce andrò sempre a votà e caccerò sempre a te e a tutto er PD+PDL+P2+PATT+M5S la scheda nulla. Poi me tengo i timbri sulla tessera e te li metto en faccia pure a te e alle tue FS! Uso il mio cervello (seppur massacrato) e non il tuo e sò annà contro corente! Lo sai con che ce vado a votà da qui in avanti? Cor pennarello (foto a sinistra) perchè non me fido delle vostre matitine pecchè cò a gomma, se pò cancellà e tanto ve rifilo scheda nulla perchè nun me cambia nulla, ma er timbro che attesta che ho votato, lo vojo come sempre. Io a differenza tua e vostra cari politisci, ho votato tutto nea vita. Voi no pecchè a tanti referenda nun c'eravate e ve fotto io a voi altri con 'na sana ideologgia del vuoto a rendere! (-_-)

Il compannio Don Mattia MonSignore ma non troppo.

IL MIO PAOLO ☭ (italian case n°1)   and  ][\/][ATTHEW ★ (italian case n°77)

[ #IononscordoCharlieHebdo - #IononscordoCharlieHebdo ]

EUROPEacePINK LIST

http://peacepink.ning.com/group/europe

Dottori di fama internazionale che hanno studiato il fenomeno Mind Kontrol http://peacepink.ning.com/group/doctors-group-on-peacepink

PAX MARCE EVANGELISTA MEUS ADIUVA ME

Se non sei il solito coglioncello che giudica il libro dalla copertina, ma che legge ogni sua pagina, il titolo è ambiguo apposta per rimarcare che ci sono i collegamenti ipertestuali da cliccare oltre che leggere il topic invece che basasrsi su un titolo e sulla fotina e Movimento 5 Stelle si è comportato come i gruppi di sinistra e i gruppi anarchici nel 2006. Niente Inchiesta Parlamentare e ve ne potete andare assieme a Rutelli a cacare. Io mio tengo il mio enplein e le vostre parole inerenti a meritocrazia, trasparenza e correttezza sono false come Giuda! (-_-)

Avanti così perderai ancora una marea di voti come alle regionali di fine 2014 con Calabria ed Emilia-Romagna.

#vinciamonoi #vinciamopoi #vinciamomai Roba da gratta & vinci!?

Quando scenderai di brutto sotto il 5% ricorda che finirai come i radicali di Panetta Pannella che ora hanno solo 1 seggio con la BilderBerg Emma Bonino! Sarà allora che ti ricorderai che le promesse si mantengono e non si fa come i marinai. DA QUI IN AVANTI SCHEDA NULLA COME PRIMA DI FEBBRAIO 2013! (-_-)

Continua a perderti voti per strada e vedrai come vinci...

Di cosa parla qui il tuo Beppe Brillo? Mi sembra parli di controllo mentale? e che caxxo è 'sto controllo mentale? Egli è brillo e alcolizzato o sà qualcosa che non ti vuole dire il vecchio? Digli che te lo spieghi lui se almeno almeno, ha il coraggio di affrontare il tema seriamente in un suo show, visto che i suoi brillini Deputati e Senatori non sono capaci di pragmatizzare le promesse dell'Inchiesta Parlamentare su 300 italiani, dei quali, quasi tutti sono passati da tale Paolo Dorigo e lamentano trattamenti a distanza disumani al suo pari. Se volevi dimostrare di esser meglio dei comunisti e anarchici sei uguale a loro.


Beppe Grillo davanti a Montecitorio a gennaio 2013 menziona fugacemente "il controllo mentale".

https://www.facebook.com/video.php?v=250591665065287&set=vb.218...

Sul vocabolario dei sinonimi alla voce associazione trovo:

società, confederazione, federazione, unione, lega, collegio, compagnia, consorzio, alleanza, corporazione, congregazione, sodalizio, setta, loggia, movimento, clan, comitato, consorteria, confraternita, partito, camarilla.

Views: 841

Comment by AtlantiTeo on October 17, 2015 at 5:21am

Faccia d'angelo: Noi altri siamo contadini e montanari. Voi siete di Venezia.

Faccia d'angelo: I schei

I schei del Luca Pisaia de 3viso del 10-10-2013. Sinquemila franchi el vol€a e no el ga mai laora en campagna el Luca e el Michele Kakkaro. L'era mejo nar co 'a baila envese che co i fiori per el Maurissio e far finir lì quea paiassada enviada via nel 2010 dal me Paolo. N'avocato se fato de aciaio inox 18/10 o se fato de carne come mi? Mi difati go sempre dito che anca se ti te se avocato, no l'è che a to merxa te la vendi a 100mila £ire al chilo e la me merxa la vendo a 1.000 £ire al chilo, perchè l'è sempre merxa cara toga, divisa e camicie. Te sei fato anca ti de cellule. Più cellule compongono tessuti, più tessuti compongono organi e più organi formano un corpo umano. Anca a regina d'Inghiltera, no a caga mia franchi, bisanti, sestersi o piotte caro. La caga merxa come tuti no altri cara toga rossa o toga nera.

L'unico che cagava bisanti sé el somaro/cavallo del Bertoldo. (-_-)

Comment

You need to be a member of peacepink to add comments!

Join peacepink

Latest Activity

Larry Lee Whitsitt posted a photo

SAM_6398

Age 66
8 hours ago
LuK commented on LuK's blog post DIARIO DE SUS ATAQUES
"15/08/17 10,18Hrs. Hoy es mi cumpleaños, y atacaran intensamente. He ido al baño al levantarme y el psicopata del 2B se ha puesto justo debajo haciendo ruidos, ha tirado de la cadena (esto simpre lo hace, es una medida de acosarme…"
16 hours ago
CLS commented on Larry Lee Whitsitt's photo
Thumbnail

SAM_6377

"Thanks Larry"
yesterday
CLS replied to CLS's discussion MIND CONTROL TORTURE
"Hello, I updated my website. Please read from " How they discredit people so people don't believe you ". THIS IS VERY IMPORTANT INFORMATION FOR TARGETED INDIVIDUALS TO KNOW. Please read save the website by right clicking and on the…"
yesterday
Larry Lee Whitsitt commented on Larry Lee Whitsitt's photo
Thumbnail

SAM_6377

"Sam 6377, 6376, 6375,  are all forehead blackened by an electro-neuro beam.  I think it is true color of the beam, and does not come close to a shadow appearance."
yesterday
Angeline Klas posted a blog post

Recorded Thoughts

Is recording my thoughts and spreading it around covert or overt.I mean, people still have the nerve to play it out loud infront of me.Today it happend to me in the office where I work. The neighbour die the same to me.Can I report this to the police is this overt. The voice of the male Perp is on her sound system. The perps keep on telling everybody I meet about my thoughts about them. These people want to retaliate. The dare devils feel like they can play this without feeling ashamed or…See More
yesterday
CLS replied to William May's discussion I'm about to die guys
"Hello Brian, I also have lump on the side of the back of my neck on the left side? Do you too? I got it checked out and it is not an lymph node."
yesterday
brian bovo replied to William May's discussion I'm about to die guys
"You can overcome all of this. Its mind over sound and matter. I war all the time with these scum. I always get silence and rest in the end. Your rigged in the back of neck and brain. They quantum shift you and create points on appliances and walls.…"
yesterday

Badge

Loading…

© 2017   Created by Soleilmavis.   Powered by

Badges  |  Report an Issue  |  Terms of Service